Pubblicato il 29/11/2017

#Da non perdere #Canada

Canada: la nuova autostrada a nord del circolo Polare Artico

Inaugurata l'autostrada nei Territori del Nord Ovest in Canada. Per gli abitanti costituirà un netto miglioramento dello stile di vita e per i turisti una ghiotta occasione di visitare luoghi altrimenti inaccessibili.

Non sarà solo utile agli abitanti, ma sarà anche un investimento per i turisti. Erano territori, questi, irraggiungibili - o per lo meno con gravi disagi o grossi costi - ma ora invece sarà possibile accedervi facilmente. Qui è possibile piantare tende e campeggiare liberamente, avvistare i caribù e scoprire una natura incredibile. Pochi hanno guidato in un ambiente simile: partendo da Inuvik, si esce dai boschi per addentrarsi nella tundra e nei ghiacci, fino a sbucare sull'Oceano Atlantico.

La nuova autostrada rivela anche un grande potenziale turistico

© brizardh/123RF

È un momento atteso da oltre 50 anni. La storica inaugurazione dell'autostrada dei Territori del Nord Ovest, Canada, è avvenuta la settimana scorsa. Il nuovo collegamento promette di cambiare la vita degli abitanti di questi territori desolati, in cui centri abitati sono separati da spessi strati di permafrost. Tuktoyactuk, "Tuk", come viene abbreviato, affacciata sull'Atlantico - 930 abitanti - lontana da tutto e da tutti, in estate era raggiungibile solo via aereo o elicottero.

L'autostrada partirà da Tuk e arriverà a Inuvik, attraversando i Territori del Nord Ovest per più di 140 chilometri. È costata 300 milioni di dollari canadesi e quattro anni di lavoro. La strada è studiata appositamente per far fronte alle estreme condizioni climatiche a cui è sottoposta. Prima esisteva una strada sterrata, fruibile però soltanto durante i mesi invernali. Si prevede che i residenti di Tuk, potendo fare rifornimenti più facilmente, risparmieranno 1,5 milioni di dollari.