L'Arabia Saudita presenta Neom: la città della scienza e del futuro
Pubblicato il 04/12/2017

CulturaArabia Saudita

Twitter Facebook

In Arabia Saudita le cose, o si fanno in grande, oppure non si fanno.
Lo scorso 26 ottobre, il Governo saudita ha svelato al mondo il progetto Neom: una megalopoli ultramoderna in pieno deserto, dove verrà inventato, niente di meno che l'avvenire dell'umanità.

Il progetto sostenuto dal principe Mohamed Ben Salmane é quello di costruire sul suo territorio una megalopoli ecologica ultramoderna di 26500 mt², interamente dedicata al mondo del futuro.
Se siete curiosi di saperne di più su Neom, ufficialmente presentato alla conferenza "future investment initiative" ( Ryad, 24-26 ott), date un'occhiata al sito Discover Neom , dove il progetto viene definito come una start-up della taglia di un Paese, senza restrizioni con, come unico orizzonte, un potenziale senza limiti e una pagina bianca per scrivere il prossimo capitolo dell'umanità.
Per fare si che tutto ciò non resti che un'utopia, il regno saudita mette a disposizione degli scienziati del mondo, un'area grande quanto la Sicilia, in mezzo al deserto arabo, ed un budget di 500 miliardi di dollari per finanziare i progetti migliori.

Il video di presentazione

Il video di presentazione di Neom, mostra giovani ricercatori, non per nulla questo luogo sarà uno spazio aperto a tutti coloro che vogliono cambiare il mondo, condividendo le proprie idee e dandogli vita, ma non solo...Neom promette anche di cambiare lo stile di vita di tutti coloro che prenderanno parte all'avventura!
Niente stress, una salute migliore, un grado di felicità maggiore e più tempo per le cose che contano davvero.

Ma torniamo alle cose serie: il progetto prevede, ad esempio, di sfruttare interamente le energie rinnovabili di sole e vento, visto che la città si svilupperà in prossimità del Mar Rosso.
Gli edifici che vi sorgeranno dovranno essere autonomi al 100% e in grado di fornire agli occupanti prodotti freschi ( immaginiamo quindi che ci saranno degli spazi per gli orti). Ai trasporti pubblici ci penseranno i droni, ma ai cittadini non mancheranno le occasioni per praticare l'attività sportiva.
Il tutto per trasformare Neom in un vero e prorpio paradiso scientifico...e turistico!

Già perché i sauditi hanno anche l'obbiettivo di trasformare questo angolo di nulla nella destinazione turistica migliore del mondo! Il tutto nel giro di una decina d'anni. É questo infatti il tempo che si sono dati per la realizzazione del progetto, che dovrebbe esser completato per il 2030.

Neom

Neom
Iurii Kovalenko/123RF

Ma qualcuno non é d'accordo:molti analisti ed alcuni scienziati, hanno sottolineato l'impossibilità di realizzare un progetto così faraonico in un lasso di tempo tanto breve, come ad esempio Marc Lavergne, direttore del polo di ricerca del CNRS e specialista del Medio-Oriente che, interrogato da alcuni giornalisti, ha espresso così le sue perplessità: "Ne dal punto di vista finanziario, ne tantomeno tecnologico, sarà possibile dare vita a un progetto tale in così poco tempo. Lo scopo di questo progetto é quello di farsi pubblicità, esattamente come hanno fatto il Qatar, con il PSG(per chi fosse a digiuno di calcio, il Paris Saint German), o Abu Dhabi, con l'apertura del nuovo Louvre. L'obbiettivo é semplice: mostrare al mondo un immagine affidabile e positiva di se, ma nulla di quanto promesso verrà realizzato entro il 2030."

Come si dice: "chi vuol esser lieto sia, del doman non v'è certezza!"