Pubblicato il 13/02/2017

#Cultura #Romania

Transilvania: la patria dei Castelli misteriosi

"La Transilvania è stata dall'antichità fino ad oggi il focolare della stirpe legata ai Carpazi"; una terra misteriosa che detiene un grande numero di Castelli che raccontano storie, leggende e miti che da anni sono insite nell'immaginario comune. A casa di Dracula, scopriamo insieme i segreti delle bellissime e occulte costruzioni fortificate...

Castello di Bran, Distretto di Brasov

© emicristea/123RF

Un monumento nazionale in Romania; un Castello che ha ispirato il mito di Dracula nel romanzo di Bram Stoker, e che risale ai primordi del XIII secolo. All'inizio del 1900, il Castello divenne residenza dei sovrani del Regno di Romania; oggi la sua storia attrae per la falsa collocazione del mito di Dracula ( anche se il voivoda Vlad III di Valacchia vi soggiorno' per un certo periodo), ma non rimarrete delusi dal fascino che sprigiona questo luogo magico.

Castello dei Corvino, Distretto di Hunedoara

© janoka82/123RF

Sulla Collina di San Pietro, nella città di Hunedoara, sorge il Castello dei Corvino. Questo castello, è il monumento più gotico della Transilvania, e si collega alla storia di Vlad l'impalatore perché pare che proprio qui, sia stato tenuto prigioniero da Mattia Corvino per circa sette anni. La struttura difensiva e il ponte levatoio, le torri, la galleria e il mastio, tutti elementi che rendono il castello molto suggestivo agli occhi dei turisti curiosi.

Castello di Peles, Distretto di Prahova

© janoka82/123RF

Nella città di Sinaia, l'architettura pittoresca è una delle particolarità da non lasciarsi sfuggire; fu proprio qui che Re Carlo I di Romania costruì la sua dimora estiva, il Castello di Peles. Rispetto ai primi due castelli, questo ha una storia recente, se si pensa che fu inaugurato nel 1883, ma è comunque una delle più affascinanti strutture che uniscono l'ispirazione romantica neorinascimentale e il neogotico. La struttura ospita una delle più belle collezioni d'arte orientale e centrale e, la statua del Re Carlo I, è dello scultore italiano Raffaello Romanelli, che realizzò anche sette terrazze del giardino neo-rinascimentale, per lo più di marmo di Carrara (forse è anche un po' nostro questo castello).

Cittadella di Sighisoara, Distretto di Mures

© starush/123RF

In un primo momento la cittadella si chiamava Castrum Sex ed occupava solo l'altopiano superiore della collina (Dealul Cetatii). È stata una delle città fortificate più difficili da conquistare, la sua difesa infatti si componeva di 14 torri, ciascuna costruita e difesa da una gilda diversa. Nove torri originali stanno ancora in piedi e si possono ammirare: la più importante è la Torre dell'Orologio. In più, un altro punto di riferimento storico è la casa del famoso Vlad l'Impalatore detto Dracula; si crede che il sovrano romeno sia nato qui nel 1431, anche se non vi è alcuna prova concreta.

Fortezza di Poenari, Distretto di Arges

© emicristea/123RF

Fortezza o Castello, questi resti sono la più fedele testimonianza della vera tenuta del Conte Dracula. Eretto nel XIII secolo durante il regno di Valacchia, il Castello abbandonato dopo la morte di Vlad III, è attualmete raggiungibile salendo una scalinata di 1480 gradini.