• Voli
  • Hotel
  • Volo + Hotel
  • Case private
  • Auto
  • Vacanze

+

    Vietnam

    • Condividi
    • Panya Jampatong / INMAGINE

    Foto precedente Foto seguente

    Vietnam in immagini + Dalat

    • Dalat

      Dalat, un pò antiquata, con le sue ville coloniali sulla collina ed i suoi lussureggianti giardini in cui fioriscono rose, orchidee, garofani e dalie, ... Scoprire Dalat

    In breve +

    Budget settimanale
    n.c.
    Budget volo
    900 €
    Durata del volo
    15h 
    Fuso orario
    +5h / +6h
    Visto
    Si
    Vaccini
    No
    Moneta
    Dong
    Lingua
    vietnamita

    Vietnam - Guida di viaggio

    Mappa Vietnam Mappa Vietnam

    Scopri la destinazione

    Tristemente divenuto famoso per la guerra, il Vietnam si apre sempre più al viaggiatore, in contatto con una popolazione particolarmente affascinante ed accogliente, ereditiera di un'autentica civiltà. Città imperiali, pagode e templi si fiancheggiano armoniosamente, ai grattacieli della città di Hô Chi Minh ed all'architettura coloniale di Hanoï. Prendetevi del tempo per scoprire i suoi sontuosi paesaggi di risaie, territorio dei contadini dai famosi cappelli conici, percorrete le sue montagne, gli altopiani e giungle, dal delta del fiume Rosso a nord al delta del Mekong a sud fino alla famosa baia D'Along.

    I più

    • +  I paesaggi sono estremamente vari e spesso di una bellezza stupefacente.
    • +  La popolazione è molto espansiva con i turisti.
    • +  Una cucina raffinata e variegata
    • +  I monumenti, gli edifici, le cittadelle imperiali

    I meno

    • -  La differenza di prestazioni e di qualità negli alberghi
    • -  Il clima è sfavorevole da giugno a settembre.
    • -  30 anni di guerra hanno lasciato tracce visibili.
    • Voli
    • Hotel
    • Volo + Hotel
    • Case private
    • Auto
    • Vacanze

    +

      Panoramica sulle offerte viaggi Vietnam

      I consigli della redazione

      Il Vietnam è ampio. A meno che non si sfruttino quattro settimane, ci si accontenterà della scoperta di una o due parti del paese. Si sceglierà il Nord, il Sud o il Centro e si prediligeranno gli spostamenti in aereo. Generalmente, Hanoi è più piacevole all'arrivo ed è meglio dedicare gli ultimi giorni a Saigon. Una settimana (di corsa) può bastare per visitare Hanoi, Saigon, le tombe imperiali di Hué, Da Nang ed il delta del Mekong.

      Tradizioni

      La contrattazione è quasi un rito. Si pratica al ristorante (è meglio stabilire un prezzo prima di ordinare un piatto). La stessa cosa vale per una camera in hotel o un percorso in risciò (è consigliato indicare il prezzo concordato per la corsa su un pezzo di carta prima di prendere posto a sedere!).
      Per i buddisti, la testa è sacra ed i piedi sono impuri. In un tempio, è meglio quindi evitare di mettere i piedi su un altare o una statuetta. Altra raccomadazione: non piantare in verticale le bacchette in una ciotola di riso poichè è simbolo di morte.
      La geomanzia determina l'orientamento di un edificio secondo le posizioni rispettive del Drago blu (spirito buono) e della Tigre bianca (spirito cattivo). Molti siti devono la loro armonia eccezionale a questa "scienza", una via di mezzo tra astrologia e geografia.

      Gastronomia

      La cucina vietnamita è molto più varia (500 piatti tradizionali) e meno grassa della cucina cinese
      Il nuoc mâm a base di salamoia di acciughe (o di pesci) è il condimento immancabile. L'isola di Phu Quoc possiede la denominazione di origine controllata (vedere la rubrica: reportage).
      La zuppa di tagliolini, pho, è il piatto più popolare. È preparata con manzo, pollo, pesce e condita con erbe aromatiche e chiodi di garofano. Sul menu della maggior parte dei ristoranti, troverete i classici nem, i ravioli (banh cuon) cotti al vapore, carne di manzo, bollita, arrostita... Come dessert, i vietnamiti consumano di preferenza la frutta fresca, mango, papaya, mangostano, rambutan, longan piuttosto che i dolci, riservati ai giorni di festa. Il tè è la bibita nazionale, servito caldo a nord e ghiacciato a Sud. I francesi hanno lasciato in eredità il pane, bahn mi, una specie di piccola baguette.

      I piatti tradizionali delle celebrazioni del Tet.

      Per le celebrazioni del nuovo anno (Tet Nguyên Dan spesso a metà gennaio o inizio di febbraio a seconda del calendario lunare), e per la stessa occasione dell'arrivo della primavera, i vietnamiti danno un'importanza tutta particolare alla preparazione delle specialità culinarie per poter offrire pasti saporiti ai loro visitatori. D'altronde, in vietnamita, l'espressione "An Tet" significa letteralmente "Mangiare il Tet". (1)
      Per tutte le regioni, si trova una varietà di zuppe, piatti fritti, bolliti e brasati. Nel nord, il banchetto di Tet pervede, generalmente, uno spezzatino di pâté di maiale ai germogli di bambu, pollo bollito, carpa in salsa salata, pâté di carne e kohirabi, cavolfiore o cipolla fritta con la pelle di maiale o suino magro. Inoltre, non perdetevi due specialità imprescindibili: i banh chung (dolci quadrati fatti di riso, suino e fagioli, avvolti in foglie dong e bolliti) e piccole cipolle all'aceto. Questi ultimi facilitano la digestione.
      Nel centro del paese, le famiglie di Huê (l'antica città imperiale) mangiano i Banh Tet (dolci rotondi al riso glutinoso), noci di cocco ricoperte di zucchero, semi di melone arrostiti e diverse preparazioni di maiale. Il menu può anche includere manzo all'aglio e alla galingale, diversi dolci alla carne come il gio thu (tortino alla testa di maiale), il cha lua (specie di mortadella di maiale), le frittelle di gamberetti, le ossa di piedi di maiale farciti alla carne, i nem chua (trito di maiale fermentato), lo scalogno all'aceto, le banane verdi in salsa agrodolce. Anche i canditi sono fondamentali: zenzero candito, zucca, mele, arance, limoni, carote...di ogni forma.
      Infine, gli abitanti del Sud preparano un pentolone di maiale cotto al sale e alla noce di cocco. Poiché il cocco è molto diffuso in questa regione, le persone utilizzano molto latte o olio di cocco, che conferisce un sapore particolare agli alimenti. (1) Sito dell'amministrazione nazionale del turismo.

      Souvenirs e artigianato

      L'artigianato vietnamita, di qualità, è proposto a prezzi abbordabili. Ad Hanoi, si trovano pitture su seta e stampe. A Saigon, scatole laccate, braccialetti ricavati dalle squame di tartaruga, budda scolpiti nel corno. Ad Hué, cappelli conici fatti con foglie di palma. Nella regione di Da Nang, la seta è molto leggera. Ovunque, ci si può far confezionare su misura un ao dai, la tunica tradizionale (con i suoi pantaloni assortiti) in meno di 48 ore e, talvolta anche in meno di 24 ore! I sarti prendono i modelli sui cataloghi occidentali e, come da foto, copiano alla perfezione il modello dei vostri sogni. Considerate 100 USD per l'abito da uomo con gilet. Gli abiti da donna sono meno costosi. In quanto agli orari dei negozi, essi aprono prima rispetto all'Europa e chiudono più tardi. È possibile iniziare a fare shopping sin dalle ore 8:00 e terminare alle ore 22:00. In compenso, la pausa è un rito praticato.

      Vietnam: I motivi per partire

      Le città Vietnam

      La destinazione Vietnam in immagini

      Foto precedente Foto seguente Schermo intero
      • Da Nang : Da Nang la moderna - Vietnam
      • Da Nang :  - Vietnam
      • Dalat : Dalat la montuosa - Vietnam
      • Hanoï : Hanoi - Vietnam
      • Hanoï : Mercati - Vietnam
      Foto precedente Foto seguente

      La destinazione Vietnam in immagini

      Esci
        Foto precedente Foto seguente
        Esci
         

        Il nostro esperto Vietnam

        Gaia Puliero Capo rubrica

        Dall'Italia piomba nella multicolore redazione di Easyvoyage, per missione un sito italiano da lanciare. Da 5 anni visita hotel, spulcia aerei e prova a rendere nero su bianco viaggi e impressioni. Profilo autore su Easyviaggio