• Voli
  • Hotel
  • Volo + Hotel
  • Case private
  • Auto
  • Vacanze

+

    Hotel Soho House Hôtel 5 stelle

    New York, Stati Uniti 35 9th Avenue, New York 10014
    null
    • Leggi dell'hotel in  francese
    • Leggi dell'hotel in  spagnola
    • Leggi dell'hotel in  inglese
    • Leggi dell'hotel in  tedesca
    • Condividi
    Foto Albergatori 1 Foto Utenti
          Soho House
          • Informazioni / Pareri
          • Posizione / Nelle vicinanze

          Il nostro esperto Stati Uniti

          Capo rubrica
          Gaia Puliero

          Il Soho House non potrebbe essere in un quartiere di New York se non in quello di Meatpacking District, altrimenti non sarebbe la stessa cosa... È uno dei due membri americani del gruppo Soho House: come i suoi omonimi, si tratta quindi innanzi tutto di un club privato con camere. Di conseguenza è un posto esclusivo, anche più che nella maggior parte delle altre città e questo influisce negativamente sull'esperienza che si vive in questa struttura. Detto questo, l'albergo consente di entrare in questo mondo elitario senza dover pagare un'iscrizione. Le camere sono tra le più originali della città, ma non piaceranno per forza a tutti; noi però le adoriamo per la loro audacia e per gli accessori di prima scelta. L'accesso al club privato è un vero privilegio, come l'ingresso alla piscina, situata sul tetto, e la posizione ricercata dell'hotel. Le coppie, le famiglie e gli amici apprezzeranno tutti il Soho House e le sue infrastrutture (dietro il pagamento di una certa cifra), finché terranno in mente che si tratta di un club privato che possiede solo poche camere.

          posizione

          Il Soho House si trova sulla Nona Strada, tra le Tredicesima e la Quattordicesima Strada, nel quartiere di Meatpacking District, oggi alla moda, ma un tempo malfamato. Anche se è vero che i principali siti turistici della città sono un po' distanti, la zona è però ottima per i ristoranti, i caffè, i bar alternativi e per i suoi originali negozi; potrete incontrare molti giovani artisti. Aperto recentemente, l'Highline è probabilmente il posto più rinomato della zona, con il mercato e il lungofiume di Chelsea che è gradevole visitare. Per andare verso nord e visitare i luoghi più conosciuti della città, potete prendere la metropolitana dalla stazione 8th Avenue, all'incrocio con la Quattordicesima Strada, oppure da 14th Street. L'aeroporto JFK si trova a 29 km, il La Guardia a 16 km e quello di Newark a 27 km.

          da sapere

          Il Soho House di New York appartiene al gruppo Soho House, originario di Londra, che oggi conta sette filiali nel Regno Unito e negli Stati Uniti, più un membro berlinese da maggio 2010. Alcune di queste strutture sono esclusivamente club privati, mentre altre propongono delle camere d'albergo. Ognuna dispone di un proprio ristorante, un buon numero possiede un centro benessere Cowshed, mentre alcune hanno un cinema privato.
          Questa filiale, che è stata inaugurata nel 2003, si trova in un ex mattatoio. I clienti dell'hotel diventano automaticamente membri temporanei del club per la durata del soggiorno e possono quindi accedere a tutte le attrezzature, come un membro ordinario che ha pagato la quota d'iscrizione.

          infrastrutture 8.25 /10

          Forse il motivo per cui da fuori non ci si aspetta affatto il lusso moderno che caratterizza gli interni della struttura è che si tratta di un club privato. All'angolo tra la Nona e la Tredicesima Strada, l'edificio è un cubo color sabbia occupato al pianterreno da diversi negozi che non hanno niente a che fare con il Soho House. La hall è lunga e stretta e dopo qualche gradino troverete la reception subito alla vostra destra. Al nostro arrivo siamo stati accolti da tre affascinanti ragazze, tutto pepe e servizievoli, con cui abbiamo parlato per un po' prima che una di esse ci abbia fatto fare il giro della casa. Ancora una volta la mancanza di spazio e la scarsità di posti a sedere sono dovuti al fatto che l'entrata del club coincide con quella dell'hotel. Ma tutto questo rimane piuttosto secondario, viste le infrastrutture di cui dispone l'albergo.
          Al terzo piano si trova il Cowshed, il centro benessere dell'hotel che gli fornisce anche tutti i prodotti per l'igiene personale. Dotato di vari hammam all'eucalipto e di una sala relax, questo ambiente propone tutta una serie di trattamenti per il corpo, per il viso, per mani e piedi, nonché depilazione e delle sessioni individuali di allenamento. I prodotti utilizzati sono arricchiti con oli essenziali puri, sono adatti ai vegetariani e non sono testati sugli animali. Potete comprarli nel centro benessere o prenderli in camera.
          Il quarto piano ospita una sala proiezioni che vi consentirà di godervi le ultime produzioni in una cornice intima, in una sala all'ultimo grido compatibile con ogni tipo di formato. Nel week-end i pomeriggi sono riservati ai film per bambini e al miniclub. Sono disponibili delle sale da affittare privatamente sempre su questo piano, ma anche al piano superiore; il cuore del Soho House però pulsa al sesto piano, dalla parte opposta rispetto alla reception del club. Potrete ritirarvi nella drawing room per godere di un po' di tranquillità, riflettere, leggere o lavorare su uno dei computer Apple o sul vostro notebook personale (in tutto l'hotel è disponibile la connessione wi-fi). Potrete sprofondare, leggere un giornale o ancora chiacchierare sorseggiando un drink o mangiando un boccone in una delle numerose poltrone da studio. Accanto c'è la sala giochi, con un tavolo da biliardo, un calcio balilla, dei mazzi di carte e vari giochi da tavola. Il resto dello spazio è occupato dal bar e dal ristorante (vedere "Cibo e bevande"). La piscina sul tetto offre un magnifico panorama del West Village e del fiume Hudson; d'estate potete consumare qui i vostri pasti, su uno dei due ampi tavoli, secondo il principio di "chi tardi arriva male alloggia" (consultare la rubrica "Cibo e bevande" per ulteriori dettagli).
          Dato che la maggior parte degli ospiti paga una consistente somma di denaro per soggiornare in questo albergo, non c'è da stupirsi se il posto è estremamente curato e le parti comuni sono arredate con gusto (moquette in mezzo ai corridoi in parquet, ascensori Chesterfield capitonné). Il personale ci è sembrato molto gentile e modesto e i nostri incontri con il direttore (un giovane francese disinvolto) si sono distinti per la semplicità, come sarebbe accaduto in qualsiasi altra struttura.

          alloggio 8.75 /10

          Le 24 camere del Soho House si suddividono in quattro categorie (in ordine d'importanza a seconda delle dimensioni): playpen, playroom, playhouse e playground. I mattoni e le travi dell'edificio originale sono ancora visibili nelle stanze; queste rendono omaggio alla sua storia e aggiungono una dimensione in più agli arredi. Il letto queen size è ricoperto da lenzuola in cotone egiziano e le lampade rosse associate al parquet in noce e ai mattoni rossi creano nella stanza un'atmosfera accogliente. Una scrivania rossa è addossata al muro e accanto un divano ad angolo è impreziosito da un tessuto con motivi di foglie di banano.
          Ovviamente la camera è dotata di un televisore a schermo piatto e di un lettore DVD. Ma il capolavoro rimane la credenza (presente in ogni alloggio) che contiene il minibar ben fornito e degli stuzzichini, nonché molti altri oggetti, come gli occhiali da sole, una macchinetta fotografica usa e getta, un braccialetto, il profumo, un adattatore, candele da viaggio, guide e dépliant informativi, un secchio per la spazzatura, giornali e riviste, una cassaforte e un malizioso cassetto contenente cordicelle, lubrificante e un esemplare del K?ma S?tra. Per quanto riguarda il bagno, elegantemente rivestito di piastrelle in finti mattoni di un colore marrone-grigio, sappiate che è dotato di mobili Boffi e che dispone di una doccia in muratura e di cosmetici trendy della marca Cowshed (in grande formato). Insomma, è una camera affascinante.
          La playroom misura 9 m² in più (40 m² in tutto) ed è ancora più divertente, con la testata del letto in velluto turchese, un tappeto degno di Paul Smith, un tavolino in legno, qualche poltrona e, ciliegina sulla torta, una vasca quadrata all'interno della stanza stessa. Dietro a un pannello in vetro levigato, vicino alla vasca che è in camera, troverete una doccia in muratura dotata della stessa gamma di prodotti cosmetici Cowshed.
          La playhouse, la cui superficie è il doppio di quella della playpen, occupa un grande open space composto da una zona notte e da una zona giorno che possono essere separate con una tenda azionata elettricamente. I posti a sedere sono costituiti da un divano ad angolo color ruggine e da una poltrona in pelle dal design magnifico accompagnata da un poggiapiedi assortito, tutto ciò disposto su un tappeto marrone a motivi bianchi. Il letto king size è firmato La Maison, l'azienda di mobili con base a Shoreditch, così come l'armadio, in un angolo della stanza. Una lampada da tavolo, che troverete anche sui comodini, è collocata sulla scrivania che si trova sotto alla finestra. In questo ambiente non mancano la radiosveglia, un candeliere, un ventilatore, la carta da parati dipinta a mano e un'ingegnosa lampada che si può tirare da dietro al divano e che pende al di sopra del tavolino. Anche la playhouse possiede una vasca nella stanza, ma questa volta è a forma di uovo ed è sormontata da uno specchio. Il bagno dispone di una doccia di vapore con panca e di una doccia ordinaria, ciabatte, due accappatoi della marca Monarch e uno specchio ingrandente a fisarmonica.
          La playground, la camera più grande dell'albergo con la sua superficie di 88 m², ha tutti gli accessori sopra descritti più una pettiniera, un tavolo circolare di marmo con sedie e un divano-letto per gli ospiti. Il letto a baldacchino è rivestito di un tessuto pel di pesca, mentre il televisore a schermo piatto è appeso al soffitto. Il bagno, infine, è munito di due lavandini squadrati e di una doccia di vapore.

          ristoranti 8.50 /10

          Il ristorante e il bar si trovano al sesto piano del club. È un ambiente rustico arredato con un parquet non trattato, ampie finestre che lasciano entrare molta luce, tavoli e sedie di colori, forme e dimensioni diverse. Il bar stesso è dominato dal turchese, incorniciato da poltrone Chesterfield di velluto, da divani di pelle e da sgabelli verdi; questi sono disposti intorno a un bar dotato di una vetrina piena di bottiglie.
          Lo chef Neil Ferguson utilizza il più possibile prodotti provenienti dalla costa orientale e cambia il menù regolarmente. Inoltre potrete scegliere tra diversi menù a seconda del punto dell'albergo in cui vi trovate. Il menù dell'hotel, disponibile nella drawing room e al bar, vi propone una selezione di piatti da condividere (salsette, frittelle e ali di pollo), ma anche minestre, insalate, panini o pietanze più abbondanti come pasta al formaggio, salmone alla griglia o controfiletto. Il menù del ristorante, che potrete consultare soltanto nel ristorante principale, comprende antipasti, quali la terrina di pollo di Cornovaglia al gravlax, e portate principali, come la sogliola di Long Island alle carote mokum, prezzemolo e purè di Yukon Gold oppure gli gnocchi alla salvia, al parmigiano e alla zucca.
          I piatti sono identici per pranzo e per cena e vi invitano a degustare le capesante alla crema di pastinaca e alla vinaigrette di liquore di acero, ma anche lo sgombro al miele con verdura marinata come antipasto. Le pietanze principali sono costituite da un filetto di pollo con verdura mista fresca del mercato e da una costoletta di maiale Duke of Berkshire al cavolo e al purè di pera. Vengono proposti molti tipi di formaggio e di dessert, come il moelleux con salsa al caramello e i biscotti alla pera e alla mela cotogna che accompagnano il dolcetto alle noci. La lista dei vini, molto completa, è ricchissima di prodotti dei vitigni americani e francesi. Potete anche fare colazione al club, che vi propone la versione continentale e piatti caldi. Ma potete mangiare tutto il giorno anche sul tetto, intorno alla piscina: dai piatti da prendere in più persone alle insalate, ai panini, alla carne e al pesce alla griglia. Viene inoltre servito un menù brunch, come al ristorante.

          0 I pareri dei viaggiatori sull'hotel

          Pubblica tu il primo commento su questo hotel Lascia per primo il tuo parere

          Hotel nelle vicinanze

          The Standard

          The Standard The Standard

          L'ironia di questo straordinario albergo che risponde al nome di The Standard si esprime attraverso il logo sottosopra, come se volesse invertire l'ordine stabilito (ed è proprio così). ...

          The Maritime

          The Maritime The Maritime

          Altro risultato della collaborazione tra Eric Goode e Sean MacPherson, il Maritime è uno dei nostri hotel preferiti di New York, ed è senza dubbio il più originale e il più curato. ...

          Washington Square

          Washington Square Washington Square

          Da 273 €

          Un piccolo hotel delizioso che offre calma e comfort nel bel mezzo di Greenwich Village, a pochi passi da Soho e dalle migliori discoteche di jazz della metropoli. ...

          Arlington

          Arlington Arlington

          Non aspettatevi assolutamente un albergo di lusso. L'Arlington è un hotel molto semplice, senza tante infrastrutture, ma pulito e in un'ottima posizione, vicino al limite orientale ...

          Ace

          Ace Ace

          Il proprietario Alex Calderwood afferma che non gli interessa essere alla moda, egli desiderava semplicemente fare del posto un classico istantaneo; è riuscito in entrambi gli scopi, ...

          New Yorker

          New Yorker New Yorker

          Da 232 €

          Situato vicino al Madison Square Garden, il New Yorker è un'ottima sistemazione temporanea nel cuore di Midtown West. Recentemente ristrutturato, l'hotel ha una ricettività con un buon ...

          Gramercy Park Hotel

          Gramercy Park Hotel Gramercy Park Hotel

          Da 377 €

          "È veramente qualcosa di unico. È un cambiamento radicale per me, è diverso da qualsiasi cosa abbia fatto in precedenza e spero che diventi un giorno un prototipo nel settore alberghiero ...

          Holiday Inn Martinique on Broadway

          Holiday Inn Martinique on Broadway Holiday Inn Martinique on Broadway

          Un hotel che gode di una buona posizione nel quartiere dello shopping, a due passi da Macy's e dall'Empire State Building. Propone una cornice piacevole e alloggi confortevoli. ...

          Thirty Thirty

          Thirty Thirty Thirty Thirty

          Hotel recentemente ristrutturato, situato a pochi isolati dall'Empire State Building. Offre un alloggio di buon livello e un ambiente dall'arredamento moderno. ...

          The Mercer

          The Mercer The Mercer

          Grazie a tutte le persone che sono all'origine del Mercer, non c'è da stupirsi che quest'ultimo riscuota un tale successo: l'hotel è di proprietà di André Balazs (che detiene anche ...

          Voto dell'hotel

          Easyesperti 8.50 / 10
          Easyopinioni 9.20 / 10
          Qualità / Prezzo 8.50 / 10

          Valutazione dell'interesse dell'hotel in base al voto sul confort, alla sua posizione e ai prezzi della sua categoría.

          Voto Posizione 4.25 /10

          Valutazione della qualità dell'hotel in base alla sua posizione geografica

          i vantaggi

          • L'arredo
          • Il centro benessere Cowshed
          • La piscina sul tetto
          • La sala proiezioni
          • Le attrezzature delle camere
          • Il club privato

          gli svantaggi

          • L'esclusività può rivelarsi fuorviante
          • Il club prevale sull'hotel

          attrezzatura

          • Navetta Navetta
          • Parcheggio Parcheggio
          • Accesso disabili Accesso disabili