• Voli
  • Hotel
  • Volo + Hotel
  • Case vacanza
  • Auto
  • Vacanze

+
    • Condividi

    Scandaloso safari umano

    08 marzo 2012 - 15:21

    Pi¨ che sui nostri quotidiani nazionali, degli articoli sono stati soprattutto pubblicati da testate inglesi e francesi, ma la loro gravitÓ non cambia. Quanto meno sconfortante, si riporta la notizia di un safari umano sulle isole Andamane dell'India.

    In un articolo tanto illuminante quanto avvilente, un giornalista del Guardian descrive come i membri della trib¨ dei Jarawa, sulle isole Andame indiane, siano sfruttati in uno spettacolo degradante, vittime loro malgrado della stupiditÓ di un certo tipo di turismo occidentale. L'articolo riporta che ogni giorno "centinaia di turisti" si mettono in fila per accedere alla Andaman Truck Road che porta alla riserva, dando prova dello stato dello stand by su cui hanno collegato il loro cervello per la durata della vacanza. In teoria, nessuna foto, nessuna ripresa e nessuno contatto dovrebbero caratterizzare l'escursione. La realtÓ Ŕ ben diversa: banane e biscotti sono lanciati dai turisti ai membri della trib¨ a bordo strada, in una sequenza che ricorda in modo raccapriciante lo spettacolo in uno zoo. Abusi e violenze da parte degli organizzatori fanno anche tristemente parte della storia.

    Appena dimenticato l'episodio dei Jarawa, dall'altra parte del globo, in Per¨, si denuncia un trattamento simile. Il safari umano si organizza questa volta in Amazzonia. L'aumento del turismo nella regione di Man¨ ha sviluppato questa triste pratica nei confronti della trib¨ dei Mashco-Piro, che non ha contatti con il mondo esterno. Fenamad, una ONG locale, riporta il Guardian, denuncia le pratiche di alcuni tour operator che organizzano delle escursioni "alla scoperta" gli indigeni. In questo secondo articolo, Rebecca Spooner di Survival International ricorda che "le trib¨ indigene senza contatti con il mondo esterno non sono un'attrazione turistica". Fuori contesto, sembrerebbe una frase di cattivo gusto ma a quanto pare necessaria per rimettere in riga alcuni operatori turistici. Al di lÓ della necessitÓ di rispettare il desiderio di isolamento di queste trib¨, l'ONG Survival International sottolinea un fattore sanitario: avendo vissuto senza contatti con il mondo esterno, i membri di queste trib¨ non dispongono degli anticorpi necessari per essere protetti dalle malattie. Anche un comune raffredore pu˛ rivelarsi letale. Sul sito dell'ONG si pu˛ leggere: "dopo un primo contatto [con persone del mondo "esterno", NdR] Ŕ comune che oltre il 50% dei membri della trib¨ muoiano". Una realtÓ che andrebbe comunicata sistematicamente per corrigere alcuni comportamenti nati, si spera, dall'ignoranza dei fatti e non da un'incoscienza mirata al guadagno.

    Senza dover ricorrere ai casi estremi, legati alle particolari condizioni di alcune trib¨ indigene dell'Amazzonia, un pizzico di coscienza in pi¨, tanto quanto negli operatori che nei turisti stessi, non farebbe male. Presentare la diversitÓ etnica e culturale di un paese Ŕ senza dubbio una ricchezza ma non si deve immolare sull'altare dell'economia turistica la dignitÓ dell'essere umano. Una nozione che il viaggiatore come il turista pu˛ senza dubbio comprendere, facendo sua una massima del senso comune generale: non fare agli altri quello che non si amerebbe essere fatto a sÚ stessi.

    V. Maiella

    .

    In breve

    Confronta e trova tutti gli operatori

    • Voli
    • Hotel
    • Volo + Hotel
    • Case vacanza
    • Auto
    • Vacanze

    +

      Archivio Editoriali della settimana

      Con il nostro archivio Editoriali della settimana, consulta tutti gli articoli usciti nel corso degli anni precedenti.